Performance ESG: i nuovi indicatori per valutare il merito di credito delle aziende

L’11 novembre 2015, presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, sono stati presentati i risultati del progetto di ricerca “Performance ESG: contano per chi giudica le imprese? Promuovere le performance di sostenibilità tra i criteri di giudizio degli operatori finanziari”.

Il Gruppo Waste Italia S.p.A. e ALTIS – Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, in collaborazione con DOGE – Università degli Studi di Genova, sono stati i curatori di un progetto che ha avuto l’obiettivo di identificare, sviluppare e proporre una griglia di indicatori ESG che potessero essere utili agli istituti di credito nella valutazione del merito creditizio delle imprese.

Il progetto, che ha coinvolto otto aziende quotate (Ace, Assicurazioni Generali, Fiera Milano, Gruppo Iren, Isagro, Italcementi, e Snam) e tre istituti bancari (Banca Popolare di Milano, Intesa Sanpaolo e UBI Banca), ha individuato un set di quattordici specifici indicatori di performance sociale, ambientale e di governance (ESG) nelle aree che coprono Salute e Sicurezza, Governance e Comunicazione, Impatto ambientale, Legalità, Compliance, Certificazioni e Fornitori.

Gli indicatori presentati sono facilmente applicabili a imprese attive in diversi settori, oggettivamente misurabili, agevolmente monitorabili e collegabili ad un rischio potenziale che potrebbe causare il fallimento dell’azienda o la mancata restituzione del credito.

Nella valutazione del merito creditizio delle imprese, gli indicatori ESG (Environmental, Social e Governance) rivestono un’importanza sempre crescente: non rappresentano solo una valutazione etica ma anche finanziaria. Il presidio di tali temi, infatti, previene spese impreviste che potrebbero danneggiare l’attività economica e quindi il merito di credito (o “rating”) dell’azienda stessa.

Il Presidente e CEO del Gruppo Waste Italia, Pietro Colucci, ha commentato: “Siamo felici di essere tra i promotori dell’utilizzo di indicatori ESG nella valutazione del credito poiché riteniamo che questo abbia una doppia valenza: da un lato incentiva l’adozione di politiche ambientali, sociali e di governo da parte dell’azienda in un’ottica di sostenibilità e maggiore trasparenza; dall’altra dà atto che l’implementazione di presidi ESG costituisce effettivamente un minor rischio del credito fondamentale in una visione strategica a lungo termine”.

Il progetto rappresenta uno step preliminare alla sperimentazione degli indicatori all’interno dei sistemi di rating creditizio mediante la quale sarà possibile raccogliere evidenze statisticamente valide su cui poter valutare la relazione esistente tra gli indicatori e il rischio di default.

Performance ESG: i nuovi indicatori per valutare il merito di credito delle aziendeultima modifica: 2015-12-18T15:48:17+01:00da pietrocolucci
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento